Cerca
Cerca

Aprile debole, previsioni al ribasso. Elettrico +14,4%. Primi 4 mesi: +6,5%

Un volume al di sotto delle aspettative, con circa 70mila auto in meno rispetto alla media registrata negli ultimi 20 anni.

Aprile debole per l’auto europea. Nei 31 Paesi continentali sono state immatricolate 1,081 milioni di autovetture per una crescita del 12,0%. Un volume al di sotto delle aspettative, con circa 70mila auto in meno rispetto alla media registrata negli ultimi 20 anni, nonostante un calendario favorevole in termini di giorni lavorativi e considerato il confronto con un mese tra i più fiacchi della storia. Nei singoli mercati, tuttavia, forte crescita in Spagna e Germania, con prestazioni solide anche negli altri Stati. Dopo quello di marzo, il secondo risultato deludente consecutivo porta gli analisti a riconsiderare al ribasso le previsioni per il 2024 con un aumento prossimo al 3,7%; le prime stime di ottobre avevano indicato una crescita del 6,9%. Anche se le prospettive macroeconomiche restano incerte, l’ipotesi di un allentamento dei prezzi dei veicoli dovrebbe dare sostegno al mercato. Tra gli elementi positivi c’è la probabile riduzione dell’inflazione con i conseguenti miglioramenti delle politiche monetarie. Nonostante questo, i rischi geopolitici restano elevati e dunque capaci di indebolire la domanda. Sul fronte delle alimentazioni, ad aprile l’elettrico fa meglio del mercato e con 145mila Bev immatricolate migliora del 14,4%. Il primo quadrimestre conta ora 4,47 milioni di autovetture, per una crescita del 6,5%.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.