Cerca
Cerca

Aprile fa 11,53%, il quadrimestre +18,59%. Decisiva la spinta di privati e lungo termine

Come se nulla fosse, aprile ha saltato l’ostacolo del giorno lavorativo in meno e si è chiuso con l’ennesimo risultato positivo di questo 2016 sorprendente per il mercato delle immatricolazioni. Che sono state 166.966, per un buon +11,53% rispetto allo stesso mese del 2015. Risultato importante non solo in termini di numeri: al mese di aprile si guardava come al punto di non ritorno, superato il quale il destino dell’intero anno sarebbe stato definitivamente delineato. Si completava il primo quadrimestre, che certamente è un indicatore di valore affidabile. Ebbene: con un totale di 687.021 immatricolazioni, il primo terzo dell’anno si è chiuso con un eccellente +18,59% sullo stesso periodo del 2015.
Un ruolo chiave nel produrre il buon andamento l’hanno giocato, ancora, vendita a privati e noleggio. Soprattutto la prima ha sorpreso: di “spinta più ampia del prevedibile” ha parlato Massimo Nordio, presidente dell’Unrae. A proposito della quale non si può non evidenziare: a) la modifica della previsione relativa al risultato dell’intero anno, adesso cresciuta ad un totale di 1.780.000 immatricolazioni, dopo la cautela mostrata ancora a marzo nonostante valori di crescita, sia del mese sia del trimestre, ancora più evidenti; b) l’inserimento, per il terzo mese consecutivo, della dicitura “non disponibile” al posto del dato relativo agli ordini (vedi tabella nelle pagine seguenti: l’ultimo è stato fornito a gennaio).
Scendendo nel dettaglio di aprile, per quanto riguarda i costruttori si vede come la crescita di Fca si sia confermata costante: 47.738 immatricolazioni, +12,15% sullo stesso mese 2015, per una quota del 29,19% (era al 29,03%). L’aggregato del quadrimestre dice 199.832 immatricolazioni, che danno un +21,32% di crescita e quota salita al 29,09% (da 28,43%).
L’analisi della struttura del mercato dice che, a fianco della crescita degli acquisti dei privati, si segnalano le vendite a società, cresciute ad aprile del 21,8%, così come è cresciuta (+1,2%) la quota, arrivata al 15,6% del mercato. Evidente la prosecuzione dell’effetto positivo del super-ammortamento, che ha contribuito alla crescita del 12,3% (14,3% di quota) dell’intero quadrimestre. Stabilizzate invece le vendite a noleggio (+2,9% in aprile, quota del 22,8%), ma con un netto divario tra lungo termine (+26,1%) e breve termine (-17,1%). Sul fronte delle alimentazioni, crescita a doppia cifra per benzina (+28,1%) e diesel (+10,9%), calo consistente per Gpl (-25,3%), metano (-21,9%) ed elettriche (-12%). E boom per le ibride: +41,2%, con la quota di mercato salita all’1,8%.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.