Cerca
Cerca

Effetto Wltp su un’estate positiva (ma gli stock?). Clio record ad agosto, Jeep traina il Gruppo Fca

L’estate del mercato Italia delle auto nuove ha chiuso con segno positivo sia a luglio (+4,68%) sia ad agosto (+9,46%), avendo registrato rispettivamente 152.779 e 91.551 immatricolazioni. Entrambi i mesi salgono sul podio dei migliori 3 risultati dell’anno, quanto a crescita percentuale sugli stessi periodi del 2017: luglio al 2° posto, agosto addirittura al 1°. Il cumulato degli 8 mesi è dunque a 1.365.947 unità (-0,07% sul 2017). Se la crescita di luglio è stata in parte dovuta anche al giorno lavorativo in più rispetto al 2017, quella di agosto è diretta conseguenza dell’entrata in vigore, dal 1° settembre, delle nuove norme di omologazione europea (Wltp). L’Unrae non prevede che l’effetto-Wltp “possa provocare un’impennata delle vendite nell’anno in deroga per lo smaltimento dei vecchi stock di auto”. Ma intanto i due mesi hanno visto grande attività sul fronte delle auto-immatricolazioni. In particolar modo da parte dei Dealer: a luglio +26% , ad agosto +44,28%, mentre in segno negativo si è chiusa l’attività da parte delle Case, quest’anno assai meno direttamente propositive in questo “canale di vendita”, se è vero che nel cumulato 2018 si contano 19mila unità in meno rispetto al 2017. In crescita sugli 8 mesi, invece, quelle dei Dealer (+16%). Passata l’estate, vedremo l’effetto di questa spinta sugli stock. Ad agosto, per la prima volta in assoluto un modello straniero è risultato il più venduto in Italia. Il primato è della Renault, con la Clio. Dopo anni di dominio, la Panda ha ceduto il passo (anche perché, nel mese, praticamente non è stata oggetto di auto-immatricolazioni, a differenza della “collega” francese). Nel mese, al 3° posto è entrata la Jeep Compass. Proprio il marchio Jeep è stato protagonista di un’eccezionale performance nel mese: con il suo +137,83% ha trainato una volta di più l’intero Gruppo Fca, che ha visto Fiat proseguire il suo rallentamento (quota di mercato del 17,7%). Renault ha fatto meglio di Volkswagen, che però nel cumulato mantiene il 2° posto.

 

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.