Cerca
Cerca

Europa, un anno impegnativo, il 2021 si chiude in calo dell’1,5%

Un altro anno decisamente impegnativo per l’industria dell’automobile. L’anno che avrebbe dovuto rilanciare l’economia dopo il segno lasciato dal Covid, ha invece subìto il nuovo sconvolgimento di una crisi dai mille volti. Le Passenger Car, nel complesso dei Paesi continentali, hanno chiuso il 2021 con 11,774 milioni di immatricolazioni per un calo dell’1,5% sul 2020. Come dire 4.000.000 di targhe in meno rispetto al 2019, come dire un quarto in meno del mercato prima del virus. Un risultato portato anche da un dicembre asfittico, entrato in statistica con 950mila immatricolazioni e il 21,7% di calo tendenziale. Sesto mese consecutivo in negativo e sesto a due cifre. Di fatto l’ultimo semestre ha avuto un andamento piatto con un calo medio di oltre il 20%, un esercizio costato un milione e mezzo di immatricolazioni sul 2020. Una tendenza, stando alla voce di alcuni analisti, il cui impatto si attenuerà gradualmente nel corso del 2022, vedremo. Nell’analisi per Paese, il 2021 si è chiuso in negativo per 10 Mercati su 29. Tra questi, pesano il meno della Germania, in calo del 10,1%, e quello del Belgio sceso al -11,2%.  Nelle Aree, l’Europa Unita perde il 2,4%, con i 14 a -2,9% e i nuovi Membri che raccolgono una crescita dell’1,5%. Progresso a due cifre per l’Area Efta (+10,3%), e crescita anche per il Regno Unito, miglioratosi dell’1% netto.
Mercato Europa – Vendite per Gruppi e Marche – Dicembre 2021
Mercato Europa – Vendite per Paese – Dicembre 2021

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.