Cerca
Cerca

Eurozona sempre più vicina alla recessione

L’Eurozona è sempre più vicina alla recessione a causa del rallentamento dell’attività economica.

L’Eurozona è sempre più vicina alla recessione a causa del rallentamento dell’attività economica.

A inizio del quarto trimestre, il declino economico dell’eurozona accelera, come si evince dai dati provvisori raccolti dall’indagine PMI (Purchasing Managers’ Index) di ottobre attualmente in corso. Escludendo i mesi affetti dalla pandemia, la produzione del settore privato sta segnando il più forte rallentamento in quasi un decennio. Anche i nuovi ordini stanno registrando un calo maggiore, evidenziando un peggioramento delle condizioni della domanda di beni e servizi. Di conseguenza, le aziende stanno riducendo gli organici, registrando il primo taglio occupazionale dalle restrizioni pandemiche di inizio 2021, e mantengono il fermo obiettivo di utilizzare le scorte per ridurre i costi. Nonostante le pressioni al rialzo dei prezzi dovute all’aumento del costo del petrolio, a ottobre il tasso di inflazione di beni e servizi è un po’ diminuito, scendendo ai minimi da febbraio 2021. L’attuale forte riduzione dei prezzi di vendita manifatturieri si è accompagnato a una moderazione dell’inflazione delle tariffe del terziario. Le banche della zona euro hanno inasprito ulteriormente gli standard di credito nei tre mesi fino a settembre a causa dei maggiori costi di finanziamento e del peggioramento del contesto economico, ha detto la BCE nella sua indagine trimestrale sul credito bancario.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.