Cerca
Cerca

Febbraio -1,0%, l’auto targata Europa circola in negativo ormai da un semestre

I 28 mercati dell’Europa Unita, Malta esclusa, con 1.114.692 nuove immatricolazioni fanno registrare a febbraio il sesto mese consecutivo di calo con un saldo negativo dello 0,96%. Un passivo contenuto se messo a confronto con gli esiti degli ultimi mesi e che va ascritto alla forte contrazione della Spagna che perde l’8,8%, seguita dai Paesi Bassi che fanno -14,5%, dalla Svezia che si produce in un -14,9% e al 2,4% dell’Italia. La Germania, invece, torna a correre e con una crescita del 2,7% fa meglio di tutti riportando anche in positivo il cumulato a +0,6%. Bene anche per la Francia che a febbraio cresce del 2,1% e, come la Germania, mette il cumulato al disopra della parità (+0,5%). Nel loro complesso i 28 Paesi, con  oltre 2.310.000 immatricolazioni, fanno registrare il cumulato del primo bimestre al -2,9%, con i 15 che perdono il 3,4% e i nuovi Membri che fanno quel che possono con un +1,9%. Tra i costruttori evidenti i risultati positivi di Volkswagen che a febbraio cresce del 3,4%, e di Jeep che si migliora del 35% netto con un cumulato da +16,2%. Tra le cifre negative, ancora un deciso ridimensionamento per Nissan che, con un passivo del 24,2%, porta il proprio bimestre a -25,3%. Infine Fiat che lascia a febbraio l’11,5% del targato, risultato che nel bimestre la pone a -15,5%.
Mercato Europa – Febbraio 2019 – Vendite per Gruppi e Marche
Mercato Europa – Febbraio 2019 – Vendite per Paese

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.