Cerca
Cerca

Ginevra, de Meo: “Non stiamo contestando il 2035”

de Meo ha detto che la responsabilità dell’industria automobilistica “come leader d’impresa... non è quella di discutere contro il regolamento”. “Non stiamo contestando il 2035”.

Le Case automobilistiche europee non contesteranno la decisione dell’Unione europea di vietare effettivamente i veicoli a combustibili fossili a partire dal 2035, indipendentemente da chi vincerà le elezioni parlamentari europee di quest’anno, ha dichiarato il capo del gruppo industriale automobilistico europeo.

Parlando in una conferenza stampa al salone dell’auto di Ginevra, Luca de Meo, presidente dell’Associazione Europea dei Costruttori di Automobili (Acea), ha detto che la responsabilità dell’industria automobilistica “come leader d’impresa… non è quella di discutere contro il regolamento”. “Non stiamo contestando il 2035”, ha detto de Meo. “Ora dobbiamo metterci al lavoro”. Un divieto totale delle auto a combustibili fossili nel 2035 “è potenzialmente fattibile, ma bisogna creare le condizioni giuste”, ha aggiunto. Il rallentamento della crescita della domanda di veicoli elettrici ha aumentato la pressione sull’industria automobilistica europea per tagliare i costi e sviluppare modelli più accessibili, mentre i nuovi rivali cinesi arrivano con modelli a basso costo. Le Case automobilistiche hanno ripetutamente sostenuto che sono necessari maggiori sussidi governativi e infrastrutture di ricarica più capillari per stimolare la domanda di veicoli elettrici e incoraggiare l’adozione di massa.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.