Cerca
Cerca

L’industria automobilistica tedesca avverte: le tariffe punitive non sono opportune

La VDA afferma che nel 2023, i produttori tedeschi avranno venduto in Cina un numero di e-car circa dieci volte superiore a quello dei produttori cinesi in Germania.

Poco prima della prevista entrata in vigore delle tariffe punitive provvisorie dell’UE sulle auto elettriche cinesi, l’Associazione tedesca dell’industria automobilistica (VDA) ha avvertito con veemenza delle conseguenze per l’economia nazionale. Le tariffe punitive non sono opportune né per l’Unione Europea né per la Germania, secondo un documento sulle questioni chiave presentato all’Agenzia di Stampa tedesca. L’associazione avverte dei danni “enormi” che potrebbero essere causati dalle potenziali contromisure di Pechino. La Cina è il più grande mercato automobilistico del mondo e, secondo la VDA, nel 2023 sarà il terzo più grande mercato di esportazione di automobili dalla Germania, dopo gli Stati Uniti e il Regno Unito. Se da Pechino dovessero essere introdotti dei dazi all’importazione sui veicoli con un motore di oltre 2,5 litri, questo colpirebbe duramente l’industria, secondo l’associazione di pressione. Nel 2023, circa un terzo dei veicoli esportati dalla Germania alla Cina rientrava in questa categoria di dimensioni. Inoltre, le tasse elevate non raggiungerebbero l’obiettivo dichiarato di garantire condizioni competitive eque e di proteggere l’industria nazionale da pratiche sleali. Al contrario: renderebbero più difficile l’espansione della mobilità elettrica e quindi il raggiungimento degli obiettivi climatici, sottolinea l’associazione. Si prevede che domani la Commissione europea pubblicherà i dettagli necessari affinché i dazi provvisori possano entrare in vigore. In tal caso, saranno riscossi a partire dalla mezzanotte del 5 luglio mediante un deposito cauzionale. Se i dazi fino al 38,1% saranno effettivamente trattenuti, tuttavia, dipende dalla possibilità di trovare un’altra soluzione con la Cina. Gli Stati dell’Unione Europea devono decidere entro novembre se i dazi doganali saranno introdotti anche a lungo termine. In questo caso, i dazi provvisori verrebbero applicati retroattivamente in alcuni casi. Nel frattempo, l’industria automobilistica tedesca non si aspetta che le e-car cinesi inondino il mercato europeo. L’associazione stima che la loro quota del mercato complessivo delle autovetture dovrebbe stabilizzarsi intorno al 5-10% entro il 2030. Ciò è dovuto anche alla fedeltà al marchio dei consumatori, che è molto pronunciata quando si tratta di automobili. A titolo di confronto, la VDA afferma che nel 2023, i produttori tedeschi avranno venduto in Cina un numero di e-car circa dieci volte superiore a quello dei produttori cinesi in Germania.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.