Cerca
Cerca

Magna International Inc: il declino strutturale

A questi ostacoli si aggiunge la concorrenza sempre più agguerrita da parte dei produttori cinesi di apparecchiature, che dieci anni fa erano ancora percepiti come incapaci di competere in termini di innovazione o qualità.

Le azioni del quarto fornitore automobilistico del Nord America sono tornate ai minimi degli ultimi dieci anni. Come i suoi pari, Magna è stata duramente colpita dal ritorno dell’inflazione dopo un decennio benedetto di stagnazione salariale. Ciò, unito all’accelerazione degli investimenti per sviluppare un portafoglio di prodotti adatto ai veicoli elettrici, ha pesato sui margini. Si legge nel rapporto di Justin Emerson che il vantaggio del business degli OEM (Magna è un OEM, le Case non lo sono, ndr) risiede nelle solide relazioni industriali che hanno stretto con le principali Case automobilistiche nel corso dei decenni. Lo svantaggio è che l’equilibrio di potere è ora chiaramente a favore di questi ultimi. Ciò risulta evidente se confrontiamo l’evoluzione dei margini: quelli dei produttori di apparecchiature, che non sono mai stati succosi. Sono in declino strutturale da anni, mentre quelli delle Case automobilistiche, al contrario, navigano su livelli storicamente elevati. A questi ostacoli si aggiunge la concorrenza sempre più agguerrita da parte dei produttori cinesi di apparecchiature, che dieci anni fa erano ancora percepiti come incapaci di competere in termini di innovazione o qualità. I tempi sono cambiati e nulla sembra ormai in grado di tenere testa al settore automobilistico cinese nel suo insieme: innovativo, verticalmente integrato, imbattibile in termini di competitività e in grado di servire clienti in ogni continente. Questi fattori spiegano perché l’attività di Magna è in rallentamento da anni. La crescita è in difficoltà e i profitti crollano, con conseguenti rendimenti ridotti per gli azionisti – sotto forma di dividendi e riacquisti di azioni – e, soprattutto, un crollo della capitalizzazione di mercato.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.