Cerca
Cerca

Marchionne: “Con GM la partita è aperta”

Per Fca la fusione con uno dei “big guys” dell’industria dell’auto resta una priorità. Dopo le parole spese ieri da John Elkann nella lettera agli azionisti Exor, oggi arriva l’ulteriore conferma da parte di Sergio Marchionne. “Ciò che fino ad ora ho detto è che al momento non ci sono le condizioni. Ma la partita non è mai stata congelata, tanto meno è stata chiusa la porta. Se domani quelle condizioni cambiassero, noi saremmo pronti”, ha affermato l’ad di Fca. L’obiettivo rimane sempre una fusione con GM, anche se per ora la risposta ottenuta da Mary Barra è stata un “no”. Il che apre la porta ad altre ipotesi: Volkswagen, Toyota e anche Ford (“Sì, perché no?”), ma sempre come scelte alternative. “Quello che interessa a me, cioè Gm, almeno al momento non si può fare. Ma se le cose cambiassero domani mattina, è evidente” che sarebbe lui stesso a condurre in porto l’operazione. Dopodiché, “farei altro” ha concluso Marchionne, che nel 2018 completerà il piano industriale e lascerà la carica di amministratore delegato. (04/2016)

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.