Cerca
Cerca

Marzo a -9,61%, zero vantaggi dall’Ecobonus e il 1° trimestre ha già perso oltre 37mila auto…

La falla non si è chiusa, le perdite si fanno sempre più copiose: il mercato Italia delle auto nuove ha chiuso il mese di marzo a -9,61%, e dunque mancano all’appello oltre 20mila immatricolazioni rispetto allo stesso mese del 2018 – quest’anno sono state complessivamente 193.662, allora furono 214.250 (ma con un giorno lavorativo in più, 22 contro 21). Il 1° trimestre dell’anno, periodo che generalmente produce circa il 29% del totale dei 12 mesi, ha così perso per strada oltre 37mila auto (-6,53%), chiudendo a quota 537.289. Come segnala Unrae, il solo canale ad aver chiuso marzo con segno positivo (+4,08%) è stato quello dell’NLT, anche se poi complessivamente il noleggio ha chiuso a -13,04% (complice il -19,17% del Breve Termine). Lieve la flessione dei privati (-1,61%), forti quelle delle società (-25,33%) e delle auto-immatricolazioni (-30,8%, con le Case a -78,73%). Nel trimestre, soltanto i privati restano in attivo (+4,42%), con una quota di mercato salita al 58,71%. Tutto questo, nel mese d’esordio di Ecobonus ed Ecotassa. Le vetture incentivate – rileva Dataforce –, ovvero quelle comprese tra 0 e 70 g/km di CO2 – sono state poco più di 1.000, lo 0,5% del mercato e il 20% in meno rispetto allo stesso mese del 2018. Quelle colpite dalla Ecotassa, per contro, sono aumentate: circa 8.000 a fronte delle quasi 5.000 di marzo 2018. E intanto, con il diesel a -26,1% nel trimestre (quota del 43,9%) e la benzina a +21,6% (quota del 42,9%), la media ponderata delle emissioni di CO2 sull’immatricolato è ulteriormente cresciuta: +5,50% a marzo, + 6,94% nel trimestre (a quota 120,69). E intanto il parco circolante resta tale e quale era: vecchissimo, cioè. Per quanto riguarda le Marche, della Top 10 di marzo solo Dacia (+80,80%) ha segnato un risultato positivo; tra i Gruppi, in attivo solo Renault, Toyota e BMW (nel trimestre, a questi tre va aggiunta Psa). A fronte del calo della quota di Fca (-3 punti percentuali) in crescita quelle di Psa e Volkswagen, soprattutto.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.