Cerca
Cerca

Mercato Italia, aprile non convince: +29,2%

Abbastanza male. Questo in estrema sintesi il giudizio sull’immatricolato di aprile. Secondo i dati comunicati da Unrae, nel mese sono state immatricolate 125.805 autovetture, il 29,2% in più rispetto ad aprile 2022. Non tragga in inganno il progresso a due cifre, il settimo consecutivo: il confronto avviene con il peggior aprile dal 1980 a oggi, se si esclude quello del 2020, quando il mercato si fermò a causa del Covid. Non aiuta nelle valutazioni complessive l’effetto calendario “forte” di una giornata lavorativa in meno: aprile 2023 entra senza ulteriore appello nella bottom 5 storica. Nonostante il commento sostanzialmente positivo di Istat sulle stime preliminari del Pil relative al primo trimestre di quest’anno, accompagnato da un giudizio di migliorato clima di fiducia di consumatori e imprese ad aprile, rimane forte il dubbio che gli effetti dell’inflazione continuino a condizionare il mercato. D’altronde il costante andamento delle autoimmatricolazioni, + 24,8% ad aprile e +12,3% da inizio anno, indicherebbe una piena disponibilità di prodotto, sebbene con tempistiche di consegna ancora lontane dal poter attivare il mercato in maniera davvero positiva. Scorrendo i dati della struttura del mercato, ad aprile è del Noleggio Breve Termine il miglior risultato: con 13mila targhe il segmento cresce del 151%. A seguire il Lungo Termine (+32%) che continua a fare da traino confermando la propria quota di mercato. Seguono le 11mila Km0, anch’esse con una quota in lieve contrazione. I Privati, con 61.000 nuove Pc e una crescita del 17%, fanno assai peggio del mercato, rinunciando a 5,4 punti di quota. Le Società non vanno oltre un misero +8,4%. Il cumulato del primo quadrimestre conta 552mila unità, per un progresso del 26,9%. Si tratta del sesto peggior cumulato dal 1980 (630mila). L’auto elettrica ad aprile aumenta i propri volumi del 30% con una quota del 3,1% e del 3,7% nel cumulato.
Mercato Italia – Aprile 2023 – immatricolazioni per marca
Top 10 Italia – Aprile 2023

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.