Cerca
Cerca

Mitsubishi ammette: “Test d’omologazione truccati”

Mitsubishi nella bufera. L’azienda giapponese ha ufficialmente ammesso di aver “eseguito impropriamente test sui consumi di carburante per presentare tassi migliori di quelli effettivamente realizzati”. Una manipolazione sulle prove di omologazione di emissioni anti-smog e consumi che riguarda 625.000 vetture e che ha avuto un’immediata disastrosa ricaduta sul titolo del Gruppo a Tokyo: 1,2 miliardi di capitalizzazione andati in fumo in poche ore.

Al centro dell’inganno quattro modelli di mini-car: eK Wagon ed eK Space (157.000 unità) e Dayz e Dayz Roox (468.000 unità) – questi ultimi sono stati prodotti dalla Mitsubishi e forniti alla Nissan dal giugno 2013. Tutto è nato quando la Nissan ha avanzato dubbi circa i valori espressi dai test effettuati sui due modelli di cui aveva preso in carico la commercializzazione.

“Ci scusiamo con i nostri clienti e con tutte le altre parti coinvolte – ha dichiarato Tetsuro Aikawa, numero uno di Mitsubishi Motors Company – Arresteremo la produzione dei veicoli incriminati e studieremo una forma di risarcimento per Nissan”.

Ma lo scandalo potrebbe non fermarsi qui: contestualmente, infatti, Aikawa ha anche annunciato che “verrà condotta un’indagine sui veicoli prodotti per i mercati esteri”.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.