Cerca
Cerca

Polestar in perdita operativa nel 1° trimestre, al lavoro per ridurre la dipendenza cinese

Nella relazione trimestrale, la Casa ha dichiarato che i suoi risultati sono stati colpiti sia dalla diminuzione delle vendite che dall’aumento degli sconti.

Il produttore di veicoli elettrici Polestar ha dichiarato che dovrà adottare misure per compensare le pesanti tariffe d’importazione dell’Ue e degli Stati Uniti sulle sue auto elettriche prodotte in Cina, dopo aver registrato una perdita operativa nel primo trimestre. L’azienda svedese, controllata dalla cinese Geely, attualmente produce tutti i suoi Ev in Cina. Il suo nuovo modello, la Polestar 3, sarà prodotto negli Stati Uniti dalla fine di quest’estate, mentre la Polestar 4 sarà prodotta in Corea del Sud a partire dalla seconda metà del 2025. Polestar sta lavorando da tempo per ridurre la sua dipendenza dalla produzione cinese. Le misure che Polestar intende annunciare nel corso dell’anno potrebbero includere riduzioni dei costi materiali nella catena di fornitura, così come altre azioni, ha detto un portavoce, ma ha aggiunto che i piani non prevedono ulteriori tagli di posti di lavoro. Nel frattempo, Polestar deve affrontare le tariffe provvisorie del 20% proposte dalla Commissione Europea sulle auto che importa nell’Unione Europea e i dazi di oltre il 100% negli Stati Uniti. Come altri, l’azienda si trova ad affrontare un peggioramento delle prospettive della domanda per i produttori di veicoli elettrici, dove la guerra dei prezzi iniziata l’anno scorso dalla rivale Tesla ha lasciato molte Case automobilistiche in difficoltà nel vendere le auto già prodotte. L’azienda ha un obiettivo di pareggio del flusso di cassa per il 2025, che rischia di non raggiungere a causa delle tariffe e della guerra dei prezzi. Ieri, 2 luglio, Polestar ha registrato una perdita operativa nel primo trimestre di 231,7 milioni di dollari, mentre il fatturato è sceso a 345,3 milioni di dollari rispetto ai 543,4 milioni di dollari dell’anno precedente. Nella relazione trimestrale, la Casa ha dichiarato che i suoi risultati sono stati colpiti sia dalla diminuzione delle vendite che dall’aumento degli sconti.

Editoriali e commenti
Iscriviti alla newsletter
Ogni settimana le principali news direttamente nella tua casella email.